europass

Europass: nuovo standard per il CV

Il Curriculum Europass è lo standard del curriculum vitae messo a punto più recentemente da parte della Comunità Europea, si tratta in pratica di una dichiarazione autocertificata delle proprie competenze, abilità e conoscenze (acquisite anche al di fuori dei percorsi formali), oltre ovviamente alle esperienze lavorative già vissute.

Le sezioni dell’Europass

Il Curriculum Europass è suddiviso in sezioni (il cui ordine è altamente sconsigliato variare), in modo molto schematico. Si inizia con i dati personali. E’ importante compilare tutti i campi, compresi i dati di contatto (è incredibile a credersi ma a volte vengono tralasciati) e gli eventuali indirizzi secondari. A differenza del tradizionale Curriculum Vitae, nell’Europass è possibile tralasciare età e sesso, elementi a volte discriminanti.

La voce “occupazione desiderata” si può lasciare in bianco, soprattutto se non si hanno ancora le idee chiare sulle prospettive di carriera o se ci si trova difronte al primo impiego.

La sezione successiva è quella relativa alle precedenti esperienze lavorative; qui sarà opportuno focalizzare l’attenzione sulle abilità che si sono apprese. Per chi si affaccia per la prima volta al mondo del lavoro, è possibile inserire stage, tirocini, apprendistati e esperienze all’estero.

E’ innegabile che l’Europass sia un modello di curriculum che si distingue per la sua immediatezza e per la sua sintesi, è quindi necessario evitare di dilungarsi troppo in dettagli superflui (se non addirittura controproducenti). Enfatizzare piuttosto gli elementi di maggiore interesse maggiormente attinenti lo specifico settore di interesse.

Segue la sezione relativa agli studi. Oltre a titoli e punteggi, è consigliabile descrivere le aree di contenuto, le materie che si sono affrontate e quindi delineare il percorso preciso che ha contribuito a formare il profilo del candidato. Grande attenzione va posta nell’esposizione delle “altre attitudini”, (es.: informatiche, artistiche, capacità di lavoro in team, spirito collaborativo e organizzativo, etc). Spesso è da queste attitudini che è possibile rilevare potenzialità del soggetto.

Nel CV Europass è possibile omettere la dichiarazione di conoscenza delle lingue straniere; tuttavia è altamente consigliato inserire questa ulteriore voce, indicandone il livello con riferimento alla classificazione europea (CEFR). I campi inerenti le capacità tecniche ed organizzative sono del tutto simili a quelli dl un modello tradizionale, con la sola differenza che nell’Europass sarà necessario elencarle in modo più sintetico, facendo riferimento esplicito al settore specifico in cui sono state acquisite.

Un curriculum europass impeccabile!!!

Tra le raccomandazioni da seguire per evitare errori nella compilazione del cv europass menzioniamo:

  • non variare il carattere;
  • non alterare l’ordine delle sezioni; la formattazione del documento è la medesima in tutta Europa (per questo si parla di modello standard);
  • non dichiarare esperienze e/o competenze non possedute, potrebbe rivelarsi un clamoroso autogol;
  • non dilungarsi troppo; immediatezza e sintesi sono le principali peculiarità del curiculum europass.


DOWNLOAD gratuito del CV Europass in italiano qui:

I download sono totalmente gratuiti. Prima però aiutaci a crescere: condividi questa risorsa!!!! I link verranno visualizzati subito dopo. Grazie.

oppure per vari formati e testi tradotti in numerose lingue visita questa pagina: Curriculum Vitae da compilare. Ulteriori suggerimenti sono forniti qui: Curriculum Vitae Europass: caratteristiche e punti di forza.